Close

Il futuro del lavoro e dell’istruzione: tre scenari

Articolo liberamente tradotto dalla pubblicazione online del The MIT Initiative on the Digital Economy su Medium

“Gli esperti differiscono ampiamente nelle loro previsioni su come l’innovazione tecnologica cambierà il mercato del lavoro, ma tutti vedono la necessità di cambiamenti nell’istruzione”, scrivono i professori britannici e Phillip Brown nell’articolo Rethinking the Race Between Education and Technology . Mentre gli esperti in genere non sono d’accordo su molte cose, su tale questione c’è praticamente un solo pensiero sulla crescente importanza delle competenze e dell’educazione nella nostra economia digitale del 21° secolo.

Ogni passata trasformazione tecnologica alla fine ha portato a più posti di lavoro, standard di vita più elevati e crescita economica. Ma, come hanno concluso numerosi studi recenti , per garantire che ciò effettivamente avvenga, la nostra economia della conoscenza emergente dovrebbe essere accompagnata dall’espansione delle opportunità educative per tutti.

Pur notando che questo è lo scenario più probabile per i prossimi 10-15 anni, Keep e Brown considerano anche due potenziali scenari a più lungo termine. Forse l’intelligenza artificiale porterà a trasformazioni ancora più pervasive e fondamentali nella natura del lavoro, rendendo difficile anche per chi ha un college o un’istruzione superiore trovare un buon lavoro. Oltre a ciò, alcuni hanno suggerito che in un futuro più lontano potremmo assistere ad una trasformazione ancora più radicale, simile alla fantascienza: la fine del lavoro come l’abbiamo conosciuta da tempo.

Gli autori sostengono che considerare un tale spettro di possibilità ci aiuterà a prepararci meglio per quello che è essenzialmente un futuro imprevedibile. In questo spirito, il loro documento discute tre diversi scenari del mercato del lavoro: scarsità di manodopera, scarsità di posti di lavoro e fine del lavoro.

Scarsità di manodopera

“I sostenitori di questo scenario si aspettano che, come in passato, nuove posizioni e professioni emergano e creino nuovi posti di lavoro in sostituzione di quelli eliminati dalla nuova tecnologia. Sebbene possa esserci un periodo di transizione difficile, soprattutto per coloro che sono stati rimpiazzati dall’automazione, l’innovazione tecnologica richiederà nuove competenze e creerà opportunità di lavoro”.

Gli investimenti nelle competenze necessarie per affrontare queste sfide tecnologiche e della forza lavoro sono la fonte chiave di opportunità individuali, mobilità sociale e benessere economico. Ciò è particolarmente importante per i lavoratori senza una laurea che hanno sopportato in modo sproporzionato il peso dell’automazione. I luoghi di istruzione e formazione post-secondaria, ad esempio college della comunità, apprendistato, istruzione online, programmi di formazione specifici del settore, sono probabilmente i più pertinenti ed accessibili a questi lavoratori.

Tuttavia, i programmi di istruzione e formazione esistenti non saranno sufficienti date le esigenze di apprendimento permanente degli adulti.

“Ciò che rende coerenti questi argomenti è l’idea di una gara tra tecnologia e istruzione per sviluppare competenze più avanzate se si vuole che le persone rimangano occupabili nel mercato del lavoro di domani. La sfida fondamentale è la riforma dei sistemi educativi per preparare la futura forza lavoro a trarre vantaggio dalle nuove opportunità che emergono all’interno di un’economia tecnologicamente avanzata… Le persone dovranno adattarsi continuamente ed apprendere nuove competenze ed approcci in una varietà di contesti”.

Inoltre, saranno necessarie nuove competenze per tenere il passo con la maggiore digitalizzazione dell’economia. L’articolo fa riferimento all’Essential Digital Skills Framework , uno strumento sviluppato dal governo del Regno Unito che definisce le competenze necessarie per trarre vantaggio, partecipare e contribuire al mondo digitale. Il framework comprende cinque categorie di competenze: comunicazione, collaborazione e condivisione in linea; gestire le informazioni e il contenuto in modo sicuro; acquisto, vendita e gestione di transazioni; trovare soluzioni ai problemi utilizzando strumenti digitali; e sicurezza e legalità online.

Scarsità di posti di lavoro

I timori sull’automazione sono comprensibilmente aumentati negli ultimi anni, poiché le nostre macchine sempre più intelligenti vengono ora applicate ad attività che richiedono intelligenza e capacità cognitive che non molto tempo fa erano viste come dominio esclusivo degli esseri umani. La precedente innovazione tecnologica ha sempre prodotto più posti di lavoro a lungo termine, ma le cose possono cambiare. Come ha notato un articolo dell’Economist del 2014 , mentre la maggior parte degli economisti sventola tali preoccupazioni, alcuni ora temono che una nuova era di automazione abilitata da computer sempre più potenti e capaci potrebbe funzionare in modo diverso.

“La visione della scarsità di posti di lavoro riconosce che le nuove tecnologie possono migliorare le competenze di una percentuale relativamente piccola della forza lavoro, ma la direzione generale dell’innovazione tecnologica è verso la riprogettazione dei posti di lavoro esistenti”. In quel mondo, “gran parte del contenuto della conoscenza viene catturato in software che consentono un alto livello di standardizzazione e hanno il potenziale per ridurre o automatizzare un’ampia gamma di occupazioni, inclusi ruoli tecnici, professionali e manageriali”.

Questo scenario mi ricorda Il software sta mangiando il mondo , un saggio del 2011 di Marc Andreessen, che prediceva che il software era pronto a conquistare ampie fasce dell’economia. Le aziende imprenditoriali di tutto il mondo stanno rivoluzionando le industrie consolidate con soluzioni software innovative basate sull’intelligenza artificiale. Un numero crescente di aziende e settori viene eseguito su software e fornito come servizi online.

La scarsità di posti di lavoro indica una significativa discrepanza tra una crescente offerta di lavoratori istruiti e qualificati e una scarsità di opportunità di lavoro di alta qualità, principalmente derivante dalla routine e dalla segmentazione dei ruoli lavorativi piuttosto che dalla disoccupazione tecnologica.

Un numero relativamente piccolo di professionisti e manager altamente qualificati e istruiti svilupperà gli algoritmi, i sistemi digitali ed i modelli di business necessari, mentre sarà necessario un numero molto maggiore di lavoratori meno qualificati per implementare le procedure e le attività gestionali che sono state catturate negli algoritmi e software.

La fine del lavoro

In un saggio del 1930 , l’economista inglese John Maynard Keynes scrisse sull’insorgenza di “una nuova malattia” che chiamò disoccupazione tecnologica , cioè “disoccupazione dovuta alla nostra scoperta di mezzi per economizzare l’uso del lavoro che superano il ritmo al quale possiamo trovare nuovi usi per il lavoro”. Keynes predisse che il tenore di vita nelle economie avanzate sarebbe stato molto più alto entro il 2030 e che “per la prima volta dalla sua apparizione l’uomo dovrà affrontare il suo problema reale e permanente: come usare la sua libertà dalle pressanti preoccupazioni economiche, come occupare il tempo libero”, mentre la maggior parte delle persone lavorerebbe una settimana di circa 15 ore, il che soddisferebbe il loro bisogno di lavorare per sentirsi utili e competitive.

Un tale scenario di fine del lavoro presuppone che tra decenni la maggior parte delle attività economiche sarà gestita da macchine super intelligenti sviluppate e supervisionate da piccoli gruppi di professionisti e tecnici altamente qualificati. “Rappresenterebbe una profonda dislocazione per il sistema di istruzione e formazione… dove negli ultimi tre decenni o più l’attenzione si è concentrata sul ruolo dell’istruzione nel fornire agli individui le condizioni per operare efficacemente in un mercato del lavoro in evoluzione”. Invece, l’obiettivo dell’educazione “sarebbe quello di aiutare le persone ad acquisire le capacità per una vita appagante, con il giudizio e la conoscenza per essere in grado di affrontare i problemi complessi che l’umanità dovrà affrontare”.

“Tutte e tre le teorie riconoscono il rapido cambiamento tecnologico, anche se c’è disaccordo sul suo impatto sulla domanda di lavoro e sulla qualità del lavoro”, scrivono gli autori in conclusione.

Tutti riconoscono la necessità di competenze digitali e un’attenzione ancora maggiore alle competenze sociali. Queste competenze sono considerate più importanti perché le persone dovranno essere flessibili ed adattabili all’interno dei mercati del lavoro e dei contesti lavorativi in ​​rapida evoluzione.

Inoltre, sebbene i requisiti tecnici e di conoscenza di ciò che le persone fanno per vivere possano cambiare, il contesto sociale in cui le persone interagiscono, fanno rete e producono rimarrà e le abilità sociali sono più difficili da sviluppare per le macchine intelligenti. Infine, “tutte e tre le teorie vedono la necessità di una riforma dell’istruzione e una maggiore attenzione all’apprendimento permanente”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: