Close

La causa principale delle pandemie a cui poche persone pensano

B8BAFE49-A473-4978-86BD616F28E0A85D_source

Articolo liberamente tradotto dal blog di P. Shapiro, ospitato sul sitoweb Scientific American, autore di “Clean Meat: How Growing Meat Without Animals Will Revolutionize Dinner and the World” (2018)

È facile per quelli di noi nel mondo occidentale scuotere la testa per i mercati di animali selvatici in Cina che sembrano essere l’origine della pandemia di coronavirus che ora paralizza il globo. Facile, cioè, poiché una tale pratica è letteralmente abbastanza estranea a noi. (a sua difesa, almeno, c’è da dire che la Cina ha al momento vietato tali mercati)

Ma ciò che è più difficile è essere onesti con noi stessi su quali tipi di pandemie possiamo produrre attraverso le nostre pratiche rischiose sull’uso degli animali. E mentre il nuovo coronavirus, paralizzante com’è, potrebbe avere un tasso di mortalità un po’ misericordioso (percentuale di quelli infetti che muoiono) inferiore all’1% , sappiamo che questa catastrofe potrebbe essere solo una prova generale per una pandemia ancora più grave, il che potrebbe richiedere un tributo più raccapricciante, simile alla pandemia di influenza mondiale del 1918, che ebbe origine in Kansas e che uccise almeno 50 milioni di persone .

Quando arriverà quel giorno, è molto probabile che un tale virus abbia anche origine nel desiderio apparentemente insaziabile dell’umanità di mangiare animali, sia selvatici che domestici. Le condizioni in cui oggi alleviamo spesso animali – con decine di migliaia di animali affollati – servono come “amplificatori” per le pandemie virali.

Le condizioni in cui oggi alleviamo spesso animali

servono come “amplificatori” per le pandemie virali

In effetti, l’epidemia di influenza suina H1N1 del 2009 sembra aver avuto origine in un’operazione di confinamento di suini nella Carolina del Nord. E mentre l’epidemia di influenza aviaria H5N1 nel 1997 ha avuto origine evidentemente negli allevamenti di polli cinesi ( tasso di mortalità del caso del 60 percento ), un’influenza aviaria simile negli Stati Uniti nel 2015 ha portato gli allevatori di pollame americani a uccidere decine di milioni dei loro volatili per contenere l’epidemia, che per fortuna non ha mai fatto il salto nella popolazione umana. E proprio in questo momento, sia l’ India che la Cina hanno annunciato focolai di influenza aviaria tra i loro allevamenti di polli. Allo stesso modo, questi non stanno ancora influenzando la salute umana.

Ma abbiamo giocato alla “roulette russa” virale per troppo tempo, motivo per cui gli esperti di sanità pubblica preoccupati per le malattie zoonotiche hanno suonato da anni l’allarme per l’agricoltura industriale degli animali. Michael Greger, autore di Bird Flu: A Virus of Our Own Hatching , definisce l’agricoltura industriale un “ambiente di tempesta perfetto” per le malattie infettive. “Se vuoi davvero creare pandemie globali”, avverte, “allora costruisci allevamenti industriali”.

Se vuoi davvero creare pandemie globali

allora costruisci allevamenti industriali

Infatti, un editoriale del 2007, pubblicato nell’ American Journal of Public Health, temeva che l’insieme di raccolta e macellazione degli animali per il cibo potrebbe essere la genesi della prossima grande pandemia globale. Dato il legame tra l’agricoltura industriale degli animali e il rischio di pandemia, l’editoriale della rivista osservava: “È curioso, quindi, che cambiare il modo in cui gli esseri umani trattano gli animali – fondamentalmente, smettere di mangiarli o, almeno, radicalmente limitare la quantità di quelli che vengono mangiati – è in gran parte fuori dal radar come una significativa misura preventiva“.

Nel 2007 una simile prescrizione avrebbe potuto sembrare fuori dalla considerazione comune in quanto sarebbe sembrata semplicemente troppo irrealistica. Oggi, tuttavia, il progresso tecnologico ha reso più facile immaginare di prendere più seriamente la consulenza degli esperti di sanità pubblica.

Sì, noi umani possiamo desiderare la carne, ma la nostra concezione di “carne” ora sta diventando molto più diversificata rispetto al passato. Mentre una volta “proteina” era sinonimo di un pezzo di carne proveniente dal corpo di un animale vivente, oggi molti americani stanno abbracciando un tipo di diversità proteica che celebra la carne da una varietà di fonti.

C’è il successo delle alternative di carne a base vegetale, ad esempio, che ora sono una parte popolare dei menu delle catene di fast food in tutto il paese. Molte aziende di carne lungimiranti hanno anche rilasciato le proprie offerte alternative di carne a base vegetale. Altre aziende intelligenti di carne stanno iniziando a integrare le proteine vegetali nelle loro proteine animali, offrendo prodotti ibridi che sono migliori per il pianeta e la salute pubblica.

Molte aziende di carne lungimiranti hanno rilasciato le proprie

offerte alternative di carne a base vegetale

E poi c’è il campo della “carne coltivata”, in cui le start-up, spesso supportate da importanti aziende di carne, stanno coltivando carne di animali veri dalle cellule animali piuttosto che dal macello degli animali. Questo tipo di carne non è ancora sul mercato, ma già molte persone, incluso questo scrittore, vi sono impegnate e il governo federale sta preparando un percorso di commercializzazione.

Diversificare i nostri metodi di produzione della carne non solo ci offrirebbe la possibilità di ridurre il rischio di pandemia riducendo il numero di animali vivi che dobbiamo allevare per il cibo, ma potrebbe anche aiutare a mitigare numerosi altri rischi. Che si tratti di cambiamenti climatici, resistenza agli antibiotici, deforestazione, benessere degli animali o altro, i vantaggi dell’ampliamento del nostro portafoglio di proteine sono molteplici.

Che si tratti di cambiamenti climatici, resistenza agli antibiotici,

deforestazione, benessere degli animali o altro, i vantaggi

dell’ampliamento del nostro portafoglio di proteine sono molteplici

Mentre ci accovacciamo e resistiamo alla tempesta del morbo che ora colpisce il mondo, prendiamoci un po’ del nostro tempo libero per considerare che abbiamo il potere di ridurre le probabilità della prossima pandemia. Sì, dovremmo frenare i mercati della fauna selvatica, ma non fermiamoci qui. Se riusciamo a mobilitare l’intera società per mesi per fermare la pandemia, sicuramente abbiamo la volontà di cambiare almeno leggermente la nostra dieta.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: